La Permacultura di Bill Mollison

Bill Mollison e David Holmgren hanno ideato la Permacultura. Giá molti anni fa Mollison capí il problema che stava nascendo a causa dell’agricoltura commerciale moderna. A partire dalla seconda guerra mondiale la maggior parte dei terreni del pianeta sono stati distrutti dalle pratiche agricole commerciali. La permacultura é il risultato di anni di osservazione della natura e delle forze che la governano, nel tentativo di trovare una soluzione pratica che potesse risolvere i problemi che la coltivazione industriale stava creando.

Dal momento in cui si iniziarono a piantare distese interminabili di monocolture iniziarono i problemi con le monopiaghe e quelli derivanti dall’uso massiccio di pesticidi, erbicidi e fertilizzanti. Bill Mollison diceva che il bosco é il miglior sistema educativo esistente sul pianeta e partendo proprio dall’osservazione del bosco naturale capí che gli animali sono parte integrante del sistema, una parte che anche se mobile non puó  essere separata da esso. Ci sono animali che hanno bisogno dei funghi per vivere, i funghi hanno bisogno degli alberi mentre gli alberi hanno bisogno degli animali e dei funghi. É un circolo. Aveva capito che l’intero sistema agricolo mondiale non era concepito per produrre cibo ma soldi e che la permacultura era la vera soluzione alla fame nel mondo. Piantare boschi commestibili su tutto il pianeta avrebbe risolto i problemi alimentari anche di quelle nazioni ormai desertiche a causa della mano dell’uomo. Ma la permacultura non significa solo piantare alberi e piante. La permacoltura è un disegno che tiene in considerazione le necessitá di tutti gli esseri che vivono in determinato un sistema,  é un progetto che utilizza al meglio le risorse e i prodotti di scarto. É la progettazione di un ambiente che è un paradiso in terra. Nel video intitolato “In grave pericolo di scarsitá di cibo” Bill mollison si sofferma anche su alcune questioni come la manipolazione genetica e l’idiozia delle cittá nel continuare a sprecare energie  per mantenere strutture non naturali come ad esempio i prati inglesi, quando al loro posto ci potrebbero essere vegetali piú utli o commestibili. Mollison é un rivoluzionario e diceva che se fosse stato un guerrigliero urbano avrebbe iniziato la sua rivoluzione piantando nocciole nei prati e orti sui balconi.

Il suo sogno é quello di vedere la permacultura adottata come modello agricolo in tutto il mondo e grazie a Mollison la permacultura é stata esportata in 30 paesi diversi e spiegata in piú di 200 lingue. In questo secondo video “Il giardiniere globale” vediamo Mollison che dalla Tasmania va fino in Canada e passando per l’Europa ci mostra come la permacultura puó essere applicata nei diversi tipi di clima. Ci fa incontare Robert Hart, un altro grande maestro della permacoltura che viveva in Inghilterra e che é stato il pionere della permacoltura nelle zone temperate. Secondo Mollison le zone a clima temperato sono le piú favorevoli per la permacultura in quanto ogni inverno la quantitá di fogliame che cade al suolo genera una quantitá enorme di humus rendendo i boschi di queste aree tra i piú fertili del mondo. Bill ci porta a visitare una casa bioclimatica ad alta efficienza energetica in Tasmania e una fattoria in Germania che funziona con biogas autoprodotto.

A causa della cattiva informazione e per colpa delle decisioni politiche che  si occupano troppo del mercato e poco delle necessitá dell’ambiente e dei bisogni della gente, sono ancora molti quelli che non conoscono la permacoltura e tutti i vantaggi che offre. L’inganno dell’agricoltura moderna ha intrappolato in un circolo vizioso la maggior parte degli agricoltori del mondo e queste informazioni dunque, vanno diffuse quanto piú é possibile. L’agricoltura commerciale moderna non é sostenibile si basa interamente sui combustibili fossili ed é altamente inquinante. Un nuovo modello agricolo che si prende cura della terra restituendogli fertilitá e che nella fase di progettazione tiene in considerazione uomini, animali, piante, case e paesaggio esiste giá. Abbiamo bisogno di convertire il modello agricolo utilizzato attualmente in un modello che generi ecosistemi autosufficienti che si autoregolamentano, ecosistemi che siano abbastanza stabili e forti per resistere ai parassiti e alle malattie, che si sviluppino in armonia con tutte le specie viventi, che non generino inquinamento, ecosistemi che siano altamente produttivi e che siano pemanenti.      Utopia? No, Permacultura!

Pubblicazioni su Bill Mollison e la permacultura su Tagari.com

Per approfondimenti visita anche permaculturaItalia oppure permacultura.it.

Per informazioni sui corsi di formazione in Italia visita l’accademia di permacultura

Questa voce è stata pubblicata in permacoltura e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...