Lakabe

Immagina un paesino che si chiama Lakabe, distrutto, abbandonato e pieno di rovi, sulle le montagne dei Pirenei. Immagina un gruppo di persone che inseguendo delle capre 30 anni fa lo incontrano per caso e decisero di riabitarlo. Immagina che questo gruppo di persone era senza soldi e senza conoscenze particolari e che durante i primi anni di insediamento l’energia elettrica era sufficiente solo per l’illuminazione ed era fornita da un generatore eolico fatto con i cucchiaini…   Immagina che poco a poco negli anni queste persone ricostruiscono l’intero paesino, piantano orti, allevano animali e restaurano gli edifici sfruttando le risorse locali.  Immagina che questo paesino in qualche anno sia diventato autosufficiente dal punto di vista energetico e alimentare. Immagina che questo paesino oggi sia tecnologicamente avanzato ed in grado di lavorare il legno, la pietra e il metallo. In grado di costruirsi le case e di prodursi il biodiesel. In grado di utilizzare le risorse locali per prodursi formaggi, birra, saponi, e quasi tutto quello di cui c’è bisogno.

Lakabe è un utopia!

C’è chi crede che Lakabe sia una leggenda, c’è chi dice che non è mai esistita, che è solo una utopia mai realizzata e forse irrealizabile…         Ma invece Lakabe esiste! Io ci sono stato nel 2011 e l’utopia si è trasformata in realtà. Entrare a Lakabe non è come tornare al medioevo ma anzi sembra di essere catapultato nel futuro. 30 anni fa quando Lakabe venne occupata le autorità non sgomberarono il posto perchè credevano che senza strade e senza luce nessuno sarebbe rimasto lì a lungo.  Era una pazzia…

Invece con il passare del tempo questa comunità è andata crescendo, e si è evoluta al punto da diventare un esempio e un punto di forza per tutte le comunità della regione. A Lakabe si sono riappropriati della sovranità alimentare. Non dipendono più dai supermercati.  A Lakabe non esistono le banche e i mutui per la casa. Dopo anni di occupazione il terreno è attualmente in concessione ventennale. A Lakabe si sono riappropriati del diritto alla casa. Con pale eoliche, pannelli solari e una turbina si sono costruiti un’indipendenza energetica e quasi non risentono gli andamenti del mercato del petrolio. Hanno una economia in comune, c’è il fabbro, la falegnameria e l’officina meccanica. C’è un infermeria per il pronto soccorso. Nel Panificio si produce pane ecologico per gli abitanti di Lakabe e per la vendita agli altri paesini.  Ci sono corsi di varia natura tutto l’anno. La birra di Lakabe è ottima e dall’olio di cucina usato si produce il biodiesel…

Gli abitanti di Lakabe vivono una vita semplice che segue i ritmi naturali.  Non si consuma così tanto per consumare, sono lontani dal pensiero consumista, l’hanno superato già da tempo. I residui sono ridotti a livelli bassissimi.  Esiste una cassa comune dalla quale tutti gli abitanti possono prelevare piccole somme senza che sia necessaria l’assemblea che normalmente viene convocata per le spese più grandi.  A Lakabe non si vive sotto il costante bombardamento pubblicitario a cui sono sottoposti normalmente i cittadini europei.  A Lakabe Si vive senza stress, si respira aria pulita, si mangiano cibi genuini e si può accedere ad internet…

Lakabe è sovversiva!

Questa voce è stata pubblicata in decrescita, logik e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Lakabe

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. Pingback: Preokkupazione rurale | Byologik

  3. Pingback: Un futuro in decrescita | Byologik

  4. Pingback: Preokkupazione rurale | realtà o fantasia ?!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...