Un inverno senza Frigorifero

Hai mai pensato al risparmio energetico? se sei tra quelli che credono che sono le piccole azioni a fare grandi cambiamenti questa testimonianza può tornarti utile. Se invece credi che non sará certo la tua lampadina spenta a cambiare le cose, beh….. credo che sei sul blog sbagliato.

Sono mesi ormai che ho spento il frigorifero. Non sono pazzo (credo) e non sono un fanatico. Ho semplicemente realizzato che spesso a causa della temporanea  abbondanza energetica in cui ci troviamo, consumiamo energia che potrebbe essere facilmente risparmiata, senza dover rinunciare a niente e con un conseguente miglioramento dell’ambiente in cui viviamo. Prima di giudicare questo gesto come inutile perchè se non lo fanno tutti non serve a niente, fermati un secondo a pensare cosa fai tu per lasciare ai tuoi figli un mondo vivibile. Quando per la prima volta ho sentito di gente che aveva spento il frigorifero una delle prime cose che mi è venuta in mente fu “Come si fa a vivere senza frigorifero? Come si fa a conservare il burro, la carne, il latte e tutti quegli alimenti che devono essere conservati a basse temperature?” La risposta è semplice. Razionalizzando gli acquisti. C’è davvero bisogno di comprare chili e chili di carne, pesce e verdure per poi tenerli congelati nel freezer? In questi mesi non ho smesso di mangiare carne e pesce, non ho smesso di usare il burro e in generale non mi sono fatto mancare nulla, nemmeno il gelato. In un paese dove il cibo non è facilmente reperibile un freezer è davvero una necessità, ma in una qualsiasi città Italiana questa incomprensibile paura di restare senza cibo che ci fa tenere costantemente il frigo pieno di scorte non ha davvero nessun senso.

In Italia circa il 50% del cibo prodotto finisce nella spazzatura. Quante volte vi siete trovati a prendere alimenti dal frigo e buttarli direttamente nel secchio della spazzatura perchè marci o scaduti? In questi mesi non ho gettato nulla. La mia dieta si è leggermente spostata verso i vegetali.  Quando ho voglia di una bistecca vado dal macellaio, la compro e la consumo in giornata. Lo stesso vale per il pesce, mentre che per le verdure e la frutta ho semplicemente ridotto il volume degli acquisti visto che si mantengono benissimo fuori dal frigo per qualche giorno, specialmente con le temperature polari di quest’inverno. Ovviamente questo discorso non funziona d’estate, quando le temperature si aggirano intorno ai 30 gradi, ma d’inverno davvero non vedo la necessità del frigorifero ovunque vi sia un balcone o un giardino. Quando ne ho parlato con amici e parenti la prima cosa che mi hanno detto è stata: “Non abbiamo tempo per fare la spesa tutti i giorni.”  Il tempo… che tristezza! tutti schiavi del tempo.  Si vive una vita frenetica, sempre di corsa, però poi il tempo per guardare la televisione non manca mai! Si comprano cibi surgelati da cucinare in due minuti, si compra l’insalata già tagliata e lavata, si fa la spesa una volta alla settimana (qualcuno una volta al mese) per poter aver più tempo… si certo…, più tempo a disposizione per guardare la televisione. Pura follia! Abbiamo avuto un inverno freddissimo, forse tra i più freddi degli ultimi 20 anni eppure la maggior parte degli Italiani ha conservato i cibi a 4 o 5 gradi nel frigorifero in una casa riscaldata a 20/25 gradi mentre che fuori le temperature erano anche inferiori ai 4/5 gradi del frigo. Davvero non riesco a capire la logika che c’è dietro questo atteggiamento.

Per quello che mi riguarda a parte il risparmio sulla bolletta che ovviamente è stato notevole non avendo un apparato in funzione 24 ore su 24, non mi sono fatto mancare niente, ho magiato cibi freschi, non ho buttato via assolutamente nulla e se a pranzo avanzava qualcosa veniva conservato in un contenitore di plastica fuori al balcone e consumato la sera. Quindi non ho più dubbi, per tutti gli inverni a seguire il mio frigorifero resterà spento, mentre che nella stagione calda prima di riaccenderlo sperimenterò il frigorifero solare di Emily Cummings e il Pot-in Pot di Mohammed Bah Abba.

Quindi, rinnovo l’invito a tutti quelli che hanno letto questo post…  Casa riscaldata a 20 gradi e frigorifero raffreddato a 4 gradi quando fuori al balcone la temperatura scende anche sotto lo zero?   Spegnete la televisione per un paio di minuti e Pensateci!

Questa voce è stata pubblicata in decrescita, logik e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Un inverno senza Frigorifero

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...