Masanobu Fukuoka, l’uomo che piantava alberi

Uno dei primi al mondo ad interessarsi di agricoltura naturale fu Masanobu Fukuoka. Un microbiologo ed agricoltore giapponese che dopo aver lavorato in un laboratorio di ricerca capì che in agricoltura i problemi sorgono quando l’uomo tenta di superare la natura.

Gli equilibri naturali che gestiscono un ecosistema sono perfetti fino a che l’uomo non li modifica nel tentativo di migliorarli.

La tecnica del “non fare” di Masanobu Fukuoka raggiunse la sua massima efficienza dopo 30 anni di osservazioni e studi. Il metodo Fukuoka è di una semplicità estrema e si può riassumere in tre fasi. Seminare, Pacciamare e raccogliere. Maestro e filosofo Fukuoka è stata la più alta voce in capitolo dell’agricoltura naturale Giapponese. Studenti, agronomi  e scienziati di tutto il mondo sono andati a studiare e verificare il suo metodo, che data la validità è poi stato esportato in ogni parte del mondo. Il lavoro di Fukuoka è stato adattato al clima europeo da Emilia Hazelip, da Marc Bonfils e da molti altri.

Questi tre video che ho tradotto e sottotitolato sono un’altro piccolo contributo alla diffusione in Italia di un metodo agricolo più naturale. Che non preveda l’uso di veleni. Bisogna iniziare a chiamare le cose per quello che sono. Erbicidi e pesticidi non sono altro che Veleni e a volte sembra che ci dimentichiamo che: “Siamo quello che mangiamo”.

Nella Rivoluzione del filo di paglia Vic Sussman ci accompagna in un viaggio in Giappone nella fattoria di Masanobu Fukuoka per vedere da vicino la sua tecnica e per ascoltare direttamente da lui i suoi preziosi insegnamenti. Fukuoka non usava macchinari agricoli, non usava prodotti chimici, e nella sua fattoria non esistevano comodità moderne che distraevano e non permettavano di sviluppare quella sensibilità necessaria ad ascoltare le voce della natura.  Non arando il terreno andava contro le regole sulle quali l’agricoltura si basava da millenni,  e nonostante non inondasse la risaia per tutta l’estate, la resa del suo campo di riso era paragonabile a quella di una risaia moderna coltivata con fertilizzanti e pesticidi chimici.

Fukuoka vedeva l’agricoltura come un cammino per raggiungere la saggezza. Non era importante il raccolto ottenuto da un campo ma l’elevazione spirituale e la consapevolezza che si acquisivano nel coltivarlo. L’osservazione della natura e l’imitazione dei processi naturali portarono Fukuoka a sviluppare metodi semplicissimi ma molto efficienti come la pacciamatura usando la paglia che normalmente gli altri agricoltori bruciavano, la consociazione di piante azoto fissatrici o il Nengo-Dango che consiste nel creare palline di argilla contenenti i semi da spargere sul campo. Fukuoka diceva che inviare queste palline a tutto il mondo era molto più utile che costruire industrie di fertilizzanti e diceva che invece di usare gli aerei per lanciare bombe, bisognava usarli per lanciare le palline di semi. Egli cercava di imitare la natura quanto più poteva e la aiutava invece di lottare per migliorarla.

Aveva creato un ecosistema stabile nel quale tutti gli esseri viventi cooperavano in armonia. Dai più piccoli microbi e batteri che cooperando con le radici delle piante fertilizzavano il sottosuolo, agli animali più grandi come gli uccelli, rane e capre che fertilizzavano la superficie costantemente coperta da un manto di sostanza organica. Un equilibrio perfetto che non veniva  toccato dalle malattie e dagli insetti che a volte infestavano la valle.

La missione di Fukuoka, era quella di rifertilizzare le terre aride e desertiche di tutto il mondo. In questo secondo video girato in Grecia vediamo Masanobu Fukuoka che, in collaborazione con il ministero dell’agricoltura greco, organizza eventi di semina coinvolgendo più di tremila persone tra volontari, studenti e gente del posto. Era convinto che in soli 5 anni si poteva ricreare terreno fertile e riconvertire le distese desertiche della Grecia e dell’Italia in  foreste facendo anche aumentare le precipitazion dopo 10 anni. Perchè Masanobu Fukuoka aveva capito che anche le foreste contribuiscono all’aumento delle precipitazioni. Un deserto è secco perchè non piove, ma Non piove in quella zona proprio perchè c’è un deserto.

…Il libro “La rivoluzione del filo di paglia” in spagnolo lo trovi quì.

Altri preziosi insegnamenti di Masanobu Fukuoka in questo video.

Questa voce è stata pubblicata in permacoltura e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Masanobu Fukuoka, l’uomo che piantava alberi

  1. Pingback: Il giardino sinergico di Emilia hazelip | Byologik

  2. Pingback: BOMBAROLE « RICICLAMICHE

  3. Pingback: Masanobu Fukuoka | Scarabeokheper

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...