La porno era della stupiditá

 10-4-2011

 Credo che abbiamo girato tutta Palamos in cerca di un posto per parcheggiare l’autocaravana per passare la notte. Ovunque siamo andati c’era un divieto di sosta per autocaravane. Si puó pernottare solo negli hotel o nei campings. A quanto pare se non spendi soldi non sei ben visto da quelle parti. Abbiamo quindi deciso di spostarci a nord verso il Cap de creus. Arrivati a Roses ci fermiamo per rifornirci di cibo e ci dirigiamo all’interno del parco naturale. Qualche chilometro di curve per poi arrivare a cala Monjol, una insenatura dove siamo rimasti per qualche giorno. Un po di relax al mare, era quello che ci voleva. In questo periodo dell’anno non c’e nessuno, ci sono poche ville che sono disabitate e l’acqua del mare é cristallina. Il posto perfetto per poter pescare con tranquillitá unas tapas per cena. Una amica di ritorno dall’india é venuta a visitarci portando con se tutta l’energia di danze (kalaripayattu) e di racconti di terre lontane….il tutto accompagnato dalle splendide note di una chitarra classica. Un pomeriggio indimenticabile! La prima giornata di pesca non ha dato molti frutti ma per fortuna, la nostra amica aveva portato con se anche un pollo. 🙂  Sono passati 4 o 5 giorni é mi é sembrato un attimo, siamo giá di ritorno a Barcellona dove ci fermeremo fino ai primi di maggio per sbrigare le ultime faccende burocratiche che ancora ci legano alla cittá. Sono solo pochi giorni che sono a Barcelona e giá mi mancano i prati, il verde, l’aria respirabile e le verdure vere. Come é facile abituarsi ai veleni. Quá Sembra tutto normale… É normale stare nel traffico e respirare i gas di scarico delle auto, é normale comprare cibi sofisticati, é normale vivere sotto stress costantemente. É normale fare un lavoro che non soddisfa.  Sono diverse le persone che mi dicono: “Quando quí sará tutto collassato ce ne andremo anche noi al campo”. É giusto pensarla cosí? Questo mondo ha visto passare l’era glaciale, l’etá della pietra e l’etá del bronzo e dopo l’era indusriale non vi sono dubbi che siamo nella porno-era della stupiditá. Le generazioni di oggi verranno ricordate come quelle che avrebbero potuto evitare il cambio climatico, ma per stupiditá non lo hanno fatto. Oggi é normale non disturbare il fine senso estetico di qualcuno, piuttosto che far funzionare una fattoria con pale eoliche…. Oggi é normale produrre le patate in francia, farle viaggiare per migliaia di chilometri per lavarle in Italia e poi rispedirle in Francia sottoforma di puré… Oggi é normale che il premio nobel per la pace Bombardi altri paesi nel nome della democrazia… Oggi é normale che ragazzine di 18 anni rischino la vita per avere le tette piú grandi. Oggi tutti aspettano Fiduciosi, che gli stessi che li hanno messi nella crisi economica, li caccino fuori in qualche modo… Oggi é normale cercare nuove fonti di energie (nucleare) mentre si spreca il 70% di quella che giá si produce (isolamento termico case). Tutti sappiamo che se non invertiamo la tendenza di emissioni di gas serra entro il 2015 avremmo passato il punto di non ritorno provocando cambi climatici imprevedibili e catastrofici. Sono molte le specie viventi che sono scomparse da questo pianeta nel corso degli anni. Noi esseri umani siamo l’unica specie che sta andando verso l’autodistruzione pur sapendolo. Abbiamo le conoscenze per evitare il cambio climatico ma…. “Stasera giocano la finale di champions league e non voglio avere pensieri”. C’é una rassegnazione di massa e sono molti quelli convinti che basta COMPRARE qualche prodotto organico per salvare il pianeta. Continuo a sostenere che la prima cosa da fare sarebbe di eliminare la televisione dalle case. Riappropiarsi delle proprie idee. Ingenuamente la gente crede di essere immune al bombardamento mediatico. Ingenuamente sono molti quelli che credono di essere immuni ai messaggi subliminali. Il pensiero dei cittadini e la memoria collettiva sono stati riprogrammati nel corso degli ultimi anni da messaggi pubblicitari studiati nei minimi particolari e ripetuti constantemente fino al punto di essere considerati veritieri. Attorno a me non c’é una sola persona che non sia ossessionata dall’immagine e dalla figura che fará sulla spiaggia quando metterá in passerella i suoi muscoli o le sue tette giganti. E non parlo di essere in forma. Non sono certo i chili di proteine sintetiche, o di amminoacidi che si assumono nelle palestre per aumentare la massa muscolare a far stare in forma. Non sono certo le operazioni chirurgiche o il botox a migliorare una persona. Tutti lí ad impazzire per un filo di grasso e nessuno che mette in relazione gli stereotipi pubblicizzati in tv con i propri comportamenti. Oggi nella porno-era, si parla come nella casa del grande fratello, ci si veste come la lady gaga, si ragiona col cazzo come mister B, si ha il frigo pieno di porcherie tossiche comprate al supermercato, Il bagno pieno di cremine, saponi e prodotti chimico-tossici, ma si continua a credere di ragionare con la propria testa. Si continua a credere che la televisione tenuta accesa in sottofondo come compagnia durante la cena, non influisca sul modo di pensare. Ovviamente la televisione non é l’unica fonte di messaggi pubblicitari. Nel 1950 una persona era esposta a circa tremila messaggi pubblicitari all’anno. Al giorno d’oggi siamo bombardati su tutti i fronti  da piú di tremila messaggi pubblicitari al giorno!   “The age of stupid” un documentario girato da Franny Armstrong nel 2009. Un documentario che dovrebbero vedere tutti. Il primo film nella storia della produzione cinematografica che usando una tenda da circo in New york collegata via satellite e usando solo energia rinnovabile, prodotta da pannelli solari, ha proiettato la prima in streaming in 45 paesi nel mondo consumando un centesimo dell’energia che normalmente il lancio di un film richiede. La storia di un uomo del 2050 che vive in un mondo distrutto dalle catastrofi ambientali provocate dal cambio climatico che  guarda su un computer immagini del 2008 e si domanda: “Perché quando avevamo la possibilitá di fermare il cambio climatico non l’abbiamo fatto?”  Siamo nella porno era degli stupidi! C’é bisogno di una crescita spirituale e di una presa di coscienza. C’é bisogno di un cambio radicale. Le mie porte dell’ospitalitá saranno sempre aperte a coloro che accetteranno di lasciarsi alle spalle il pensiero capitalista-consumista. Ma l’ultima cosa che vorrei vedere é qualcuno che venga a spruzzarmi litri di insetticida in casa perché gli danno fastidio le formiche.

Questa voce è stata pubblicata in Wwoof. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...