Un biodiesel poco Byo

Dall’olio delle fritture al carburante per i motori diesel. Erroneamente chiamato Biodiesel, quasi come se non inquinasse, questo tipo di carburante rispetto al gasolio normale effettivamente riduce i livelli di inquinamento dell’aria. Il biodiesel, che viene spesso presentato come la soluzione al problema inquinamento presenta peró vari problemi da non sottovalutare. In primo luogo toglie terreni all’agricoltura. Secondo studi della FAO sulla terra non ci sarebbe abbastana spazio a disposizione (0,11 ettari procapite) per produrre cibo per 6 miliardi di persone e biocarburante per una significativo numero di automobili. Con la crisi del petrolio peró questo carburante si fa strada sul mercato ed é giá da tempo che la FAO comunica la sua preoccupazione per l’incidenza dei biocarburanti sulle disponibilitá di cibo nei paesi in via di sviluppo. In sud africa stanno nascendo gigantesche coltivazioni per la produzione di olio di palma dal quale si puo ricavare combustibile. Oltre a togliere terreni all’agricoltura tradizionale vengono usate tecniche di monocoltivo con organismi OGM per ottenere migliori risultati. Va ricordato che quando si producono singole varieta di piante, bisogna utilizzare pesticidi e diserbanti vari. Il loro impatto sulla biodiversitá é enorme e la distruzione della fertilitá del suolo é assicurata. Non bisogna dimenticare i problemi legati all’uso degli Organismi Geneticamente Modificati come ad esempio la questione etica, la contaminazione delle colture adiacenti non OGM, o il semplice fatto che ancora non esistano studi a lungo termine che dimostrino che gli OGM sono innoqui per la salute umana. Attualmente nei laboratori di ricerca vengono studiate delle alghe dalle quali sembra si possa ricavare fino ad un 50% di olio. Queste alghe hanno bisogno di terreni desertici e molto sole e potrebbero aiutare nella soluzione di vari problemi.

Personalmente non credo che la soluzione sia quella di rimpiazzare con biodiesel i combustibili derivanti dal petrolio. Ma riutilizzare l’olio delle fritture invece di gettarlo nel lavandino mi sembra un ottima soluzione di riciclo di un materiale di scarto. Alimentando dei cogeneratori con questo olio si potrebbero avere allo stesso tempo riscaldamento ed energia elettrica per la casa.

Sono sicuro che una notevole riduzione degli sprechi, l’applicazione delle conoscenze moderne e un uso combinato delle molteplici fonti di energia che ci sono oggi a disposizione possano ampiamente risolvere il problema energetico. Quí c’é uno spezzone di una puntata di report del 25 ottobre 2001 “Il girasole nel motore” dove appunto si parla di Biodiesel e di come viene giá utilizzato in Europa e in citta italiane come Ravenna e Rovigo.

Qualcuno invece con una tecnica semplicissima se lo autoproduce in giardino giá da anni. La Fiat é sempre stata contraria all’uso di biodiesel dicendo che danneggia il motore. Molte altre case automobilistiche come la Audi, la Volswagen, la Seat, hanno invece autorizzato il biodiesel come carburante alternativo.

In questo secondo filmato si parla della storia del Biodiesel e dei suoi nemici.

Consiglio inoltre il libro “Biocarburanti Fai da te “ di Roy Virgilio che é molto interessante. La presentazione del libro si trova quí. È necessario fare molta attenzione poichè l’autoproduzione dei biocarburanti in Italia é illegale, non si pagano le accise per cui si rischia il carcere.

Incredibile ma vero!

Questa voce è stata pubblicata in logik e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Un biodiesel poco Byo

  1. Pingback: Land grabbing | Byologik

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...